Ti trovi in:

Home » Territorio » Cosa visitare » A Monclassico » Meridiane

Meridiane

di Venerdì, 06 Maggio 2016
Immagine decorativa

A Monclassico e Presson il lento moto delle ombre scandisce silenziosamente l'incedere del tempo. Qui la scienza e l'arte si sono incontrati per dare vita a un'idea ambiziosa e insolita, ma saldamente innestata su una tradizione millenaria: impreziosire edifici e piazze del paese con moderne meridiane artistiche.

Il progetto è stato ideato dall'associazione culturale "Le Meridiane" che, nata con l'intento di riscoprire e valorizzare la cultura del territorio, ha coordinato dal 2002 le varie fasi del progetto e le iniziative ad esso collegate, con il sostegno del Comune di Monclassico e la convinta adesione della popolazione. Da allora ogni estate cinque artisti sono stati invitati a realizzare secondo la propria ispirazione una meridiana con la collaborazione di esperti gnomonisti, i depositari dell'antica scienza della costruzione degli orologi solari. Poco a poco ha così preso forma un patrimonio di assoluto pregio che conta oltre cinquanta orologi solari. Una galleria d'arte all'aperto liberamente fruibile che è diventata un importante motivo di attrazione turistica, rendendo ovunque noto Monclassico e Presson come "il paese delle meridiane". Questo ricco percorso si può sperimentare lungo tutto l'anno, ma in particolare nel corso della stagione estiva: una serie di visite guidate introdurranno il visitatore nel variopinto mondo dell'arte, ma anche alla scoperta del funzionamento degli orologi solari. Tante sono le curiosità che cattureranno l'attenzione: meridiane a specchio, capaci di indicare l'ora anche se rivolte a nord; orologi panoramici, come quello collocato nella piazza della Fontana, che usa la linea delle montagne come un enorme quadrante su cui leggere le ore, capace di dire ogni giorno il punto di levata e di tramonto del sole; meridiane a uomo in cui lo gnomone deve essere spostato in base alle stagioni per segnare l'ora esatta. E poi, non mancano orologi solari realizzati con le tecniche e i materiali più diversi: scolpite, dipinte, incise su vetro e con applicazioni in ceramica, metalliche e addirittura fossili. Nella seconda metà di luglio, inoltre, si tiene la "Settimana delle meridiane" con la possibilità di vedere e conoscere gli artisti all'opera e assistere ad una grande festa in piazza di presentazione dei nuovi orologi solari. Ma non solo: ogni anno viene pubblicato un volume che racconta e raccoglie le opere dell'anno precedente e approfonditi saggi su un tema culturale legato alla valle: le meridiane, naturalmente, e poi gli affreschi votivi e i portali artistici. Un progetto che sta per essere ancora più ampliato e arricchito con la realizzazione di un nuovo percorso informativo: l'incontro tra tempo, memoria e arte si arricchirà così di ulteriori significati culturali legati al territorio.